Occlusione e postura

La conoscenza delle relazioni  tra  occlusione e postura  sta portando l’ortodonzia ad una svolta importante nella diagnosi e nel trattamento delle mal occlusioni . E’ fondamentale  effettuare una  diagnosi  ed una terapia che tenga conto dell’assoluta individualità del paziente. 

La relazione tra mal occlusione ed altre patologie

Mal occlusioni e   patologie  dell’articolazione temporo mandibolare si accompagnano  a  disturbi   che compaiono  in settori anche lontani dal distretto orale:

  • mal di schiena,
  • cefalea,
  • disturbi del sonno,
  • stress,
  • otiti,
  • formicolii alle mani

Attualmente circa il 70% delle persone presenta queste problematiche  e l’età in cui compaiono varia dai 15 a 60 anni. Sono colpite più frequentemente le donne.
Questi pazienti nel tentativo di recuperare il loro benessere si rivolgono a tanti specialisti i quali difficilmente riescono a collegare le varie sintomatologie presenti ai disordini occlusali e articolari.
Tutto ciò a  conferma della stretta correlazione tra occlusione e postura.

Un ortodontista non si può più limitare a guardare solo i denti in senso statico ma deve  avere un approccio diagnostico finalizzato ad acquisire una visione più allargata del “sistema corporeo” nella sua dinamica. Tutto ciò a conferma della stretta correlazione esistente  tra occlusione e postura.

La bocca deve essere osservata nel suo insieme funzionale e dinamico :

  • controllare come avviene la deglutizione
  • se la lingua prende appoggio sul palato,
  • se la respirazione  è nasale
  • se la masticazione viene effettuata bilateralmente

Una postura linguale scorretta causerà tensioni asimmetriche   dei muscoli masticatori che coinvolgeranno  il tratto cervicale della colonna vertebrale  fino ad alterare  l’appoggio podalico  impedendo  una armoniosa deambulazione.

Una bocca ben equilibrata rispecchia esattamente l’equilibrio globale del paziente.

Curiosità

Galliani: “Salta l’affare Cissokho”

“In seguito alle visite mediche di mercoledì, che avevano riscontrato un problema odontoiatrico con ripercussioni sulla postura e possibili conseguenze di natura ossea e muscolare, il Milan aveva proprio chiesto al Porto di limitarsi al prestito, rinunciando alla cessione definitiva, proprio per poter valutare nel tempo le reali condizioni del terzino.”

fonte Sport Mediaset

CAMBIAMENTI DELLA POSTURA

SENZA O CON DEI SEMPLICI RULLI DI COTONE in bocca
(test di Messermann)

Altri esempi di risultati

Bibliografia

  1. McNamara J. A., Seligman D. A., Okeson J.P.:Occlusion Orthodontic traetment ,and temporomandibular disorders – J Orofac.Pain 1 995; 9 73-90
  2. Dworkin S.F., Le Resche L. Research diagnostic criteria for temporomandibular disorders: review, criteria examinations and specification critique – J.Craniomandibular Disord 1992; 6:301-55
  3. Greene C.S.The etiology of temporomandibular disorders:implication for treatment – J Orofac.Pain 2001; 15:93-116
  4. Malagon S.,Facchini A.,Valutazione clinica generale dei casi di disfunzione craniomandibolare – Dent Mod2004; 6:59-76
  5. Okeson J.P. Orofacial pain:Guideline for assssement ,diagnosys and management Quintessence Chicago 1996
  6. 0rthoposturonthie, Michel Clauzade J.Pierre Marty SEOO
  7. Concept Osstheopathique del’Occlusion. M.Clazade B Darraillans SEOO
  8. E.Lazzari La postura Ed. Martina 2006